Coltivazione delle alghe, sistema di sorveglianza delle acque di allevamento, un surrogato dello zucchero: queste le idee selezionate nell’ambito di Startup4life, il concorso dedicato all’innovazione nell’alimentazione e nell’agricoltura sostenibile. E tra queste c’è anche un’idea genovese: Alga-ready, un sistema di coltivazione di alghe a scopo cosmetico e bio-combustibile, il cui progetto è stato presentato da Adriano Biancardi e Anna Favre di Genova. Gli altri team premiati hanno presentato il progetto Watssy, un sistema di sorveglianza dell’acqua degli allevamenti ittici (in acquacoltura i rendimenti dipendono dalle caratteristiche dell’acqua), il cui progetto è stato presentato da Eleonora Araldi di Mantova, e Dolcezza senza compromessi, un surrogato dello zucchero, di cui ha lo stesso aspetto e lo stesso potere dolcificante, il cui progetto è stato presentato da Antonio Pintori di Nuoro.

L’Open Innovation Day, che si è tenuto nella sede di Bayer, partner dell’iniziativa, è stato organizzato da Ameri Communications: oltre 200 le startup che hanno partecipato all’edizione 2016 della call. Idee, giunte da ogni parte d’Italia, che vanno dalle innovazioni in agricoltura su larga scala all’utilizzo di droni per la gestione delle colture passando per i fertilizzanti biodinamici, senza trascurare proposte per la costituzione di nuove imprese di media e piccola dimensione per il recupero di territori e colture dimenticati negli anni dell’industrializzazione. Non sono mancate inoltre idee ad alto contenuto tecnologico e ingegneristico, che spaziano da nuove tecniche di acquacoltura alla coltivazione idroponica di alghe con obiettivi non solo alimentari.

«Non è stato semplice scegliere tra i progetti che sono arrivati in questi mesi – afferma Daniela Ameri, presidente del Comitato Scientifico che ha individuato le startup vincenti – Abbiamo ricevuto una grande adesione, a dimostrazione di un settore in crescita e di grande dinamicità. La crescita della cultura delle startup rappresenta davvero un’occasione per creare occupazione e anche per dare una nuova opportunità a tutti quegli over 40 con expertise che devono rimettersi in gioco sul piano lavorativo».

L’iniziativa è sostenuta da Bayer, azienda fortemente orientata alle Life Sciences e si inserisce nel progetto “Grants4Apps Italy”, la vetrina virtuale che permetterà alle startup di presentarsi al pubblico e agli investitori, promuovendo i loro progetti innovativi e ampliando le conoscenze, segnalando che si è in cerca di finanziamenti o investimenti, di spazi di lavoro o di personale e molto altro ancora.

«Una redazione dedicata si prenderà cura del progetto editoriale con articoli di scenario sulle direzione evolutive del settore e racconterà le storie delle persone dietro alle startup, i loro sogni, i loro traguardi e gli ostacoli incontrati sul percorso», sottolinea Daniele Rosa, responsabile dei contenuti editoriali del sito e Direttore Comunicazione di Bayer in Italia.

Startup4life è stato realizzato in partnership con Intesa Sanpaolo, Iban – Italian Business Angels Network Association, Club degli Investitori, Investo in Italia e Netalia, Studio Legale DG, Confindustria Genova, Università degli Studi di Genova.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.