Accordo raggiunto questa mattina in Regione Liguria tra azienda, sindacati e rappresentanti dei lavoratori sulla procedura di riduzione del personale avviata lo scorso luglio da Bombardier Transportation spa.

«Grazie all’accordo di oggi – spiega l’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino – gli esuberi, per un massimo di 104 lavoratori, verranno gestiti attraverso l’accompagnamento alla pensione, alla fuoriuscita volontaria e agevolata oltre che con l’utilizzo di ammortizzatori sociali conservativi dei posti di lavoro, come la cassa integrazione straordinaria, che scatterà alla fine di novembre».

L’accordo di oggi sancisce quindi la chiusura di una procedura sulla quale non si era giunti a un’intesa in sede di trattativa sindacale.

«Diamo atto – dichiara Berrino – allo sforzo compiuto dall’azienda. Come Regione, insieme all’Unione industriali, in questi mesi abbiamo lavorato per arrivare al risultato di oggi che mitiga, sul fronte occupazionale, gli effetti negativi dovuti alla crisi aziendale».

L’assessore annuncia i prossimi passi: «continueremo a seguire con grande attenzione gli sviluppi della situazione e cosa emergerà dal tavolo aperto al Mise. Crediamo che Bombardier e i suoi lavoratori costituiscano un elemento qualificante del tessuto produttivo ligure e della provincia di Savona in particolare, pesantemente colpita da una crisi industriale che ha determinato la richiesta da parte della Regione di riconoscimento di area di crisi complessa».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.