Anche gli artigiani liguri potranno chiudere i porticati. Il consiglio regionale della Liguria, su proposta del consigliere Andrea Costa (Ncd), relatore di maggioranza della legge, dei consiglieri Claudio Muzio (Forza Italia), e di Alessandro Puggioni, Alessandro Piana, Giovanni De Paoli e Stefania Pucciarelli, tutti della Lega Nord, ha approvato la modifica dell’articolo 5 della legge regionale 24 del 2001 “Recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti”.

Con le novità apportate i piccoli negozi, le attività artigianali, gli uffici e gli studi privati e i pubblici esercizi potranno ampliarsi attraverso la chiusura dei porticati adiacenti che fanno parte dello stesso stabile. Laboratori, artigianato di servizio, ma anche piccoli negozi e pubblici esercizi avranno la possibilità di estendere la volumetria dei propri locali chiudendo i porticati adiacenti, privati o a uso privato, facenti parte del corpo stesso dell’edificio. Una possibilità che, fino a ora, era consentita solo alle strutture abitative e ricettive.

Il provvedimento riguarda gli edifici già esistenti nel 2001, per i quali dovranno essere mantenute sagoma e misure originarie non andando, così, a impattare né incrementare ulteriore consumo di suolo.

Soddisfatti gli artigiani. «Una misura – commenta Paolo Figoli, presidente di Confartigianato Anaepa Costruzioni Liguria – che va nella giusta direzione di favorire le attività delle tante piccole realtà liguri che ne potranno così usufruire. Realtà che, in questo modo, avranno a disposizione ulteriori spazi per il proprio lavoro».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.