Chiudono in calo le Borse europee, frenate dall’inizio negativo di Wall Street che a sua volta ha risentito della nuova flessione del greggio, con il Wti che ora cede il 2,2% a 45,28 dollari. Parigi ha perso l’1,19%, Londra lo 0,53%, Francoforte lo 0,43%.

Milano segna Ftse Mib a 16.547,75 (-1,74%) e Ftse Italia All-Share a 18.191,77 (-1,58%).

Anche sul listino di Piazza Affari pesa la nuova flessione del greggio, le vendite hanno colpito gli energetici con Enel a -1,41%, Eni -3,32%, Saipem -4,83%, Tenaris -2,20%.

Negativi anche gli industriali (Finmeccanica -0,28%, Fiat Chrysler -1,36%) e Telecom Italia ( 3,80%) che continua a pagare le incertezze legate alle decisioni dell’Ue in materia di roaming.

Contrastato il lusso: Ferragamo -0,51%, Luxottica (promossa dagli analisti di Deutsche Bank) +1,39%,

Per quanto riguarda i finanziari, Generali a -3,50%, Intesa Sanpaolo -1,89%, Mediobanca -0,52%, Unicredi, a causa dei timori legati all’aumento di capitale, -4,17%, Mps in calo dell’1,04% in vista del cda di domani che dovrebbe nominare il nuovo amministratore delegato. In controtendenza Bpm e Banco Popolare, in crescita rispettivamente dello 0,47 e dello 0,97%, e Banca Carige (+1,88%).

Sul mercato valutario, il dollaro consolida le posizioni sulle principali divise: sono necessari 1,1239 dollari per un euro (1,122 ieri). Sterlina in netta flessione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.