«Da quanto esposto dalla Asl è risultato che nella zona A corrispondente a quella più esposta, le fibre di amianto non hanno mai superato il valore limite di esposizione e che i lavoratori sono effettivamente impegnati per circa 4 ore, come stabilito, terminate le quali le concentrazioni si riducono repentinamente a valori di poche unità». Lo ha dicharato l’assessore regionale all’Ambiente e alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, al termine dell’incontro tecnico sul Terzo Valico che si è svolto ieri sera in Regione su richiesta delle organizzazioni sindacali alla presenza di Arpal, della Asl 3 Genovese, dei rappresentanti di Rfi e di Cociv. Obiettivo dell’incontro rispondere alle esigenze di informazione e di sicurezza da parte dei rappresentanti dei lavoratori e garantire un flusso continuo di dati sulla base delle verifiche ispettive effettuate dalla ASL 3 Genovese per monitorare la presenza delle fibre di amianto che rappresentano un pericolo reale e ineludibile dell’attività svolta per la realizzazione del Terzo Valico.

«La Asl – ha aggiunto Giampedrone – ha certificato che la protezione dall’inalazione delle fibre avviene attraverso mascherine elettroventilate, un fattore che è in grado di mantenere a un livello molto basso la concentrazione di fibre nello spazio respiratorio all’interno della maschera. Anche la zona B all’interno della galleria presenta concentrazioni significativamente inferiori a quelle della zona A, così come la zona C».

«L’incontro di oggi – ha commentato l’assessore – è stato molto importante e costruttivo, nella convinzione che il tema amianto rappresenti un potenziale pericolo, sul quale non possiamo eludere ogni tipo di azione ai fini della tutela dei lavoratori e dei luoghi e ambienti di lavoro, in primis i territori coinvolti dai cantieri che richiedono pertanto di essere gestiti in maniera attenta e puntuale da tutti gli attori della prevenzione. Per questo gli organismi competenti si sono presi l’impegno di riunirsi periodicamente per consentire la trasmissione delle necessarie informazioni e dei dati dei rilevamenti non solo ai rappresentanti dei lavoratori, ma agli stessi sindaci e ottenere miglioramenti in corso d’opera dall’azienda».

A partire dal luglio 2015, quando si è riscontrata la presenza di rocce di amianto negli scavi del Terzo Valico, la Asl e l’Arpal hanno avviato controlli sistematici e sono state individuate misure tecnologiche, impiantistiche e organizzative per contenere la dispersione nell’aria di fibre di amianto e limitare così l’esposizione dei lavoratori. Da luglio aoggi la Asl ha effettuato 17 sopralluoghi , in pratica uno ogni 6 giorni. Tutti i soggetti presenti hanno concordato sulla necessità di cambiare passo e di fornire maggiori informazioni.

Oltre alla sicurezza l’assessore regionale alle Infrastrutture, Giampedrone ha sottolineato l’importanza del filone occupazionale in grado di aiutare i sindacati e i sindaci nel gestire la vicenda.

«Si tratta di un tema determinante per l’equilibrio di carattere sociale sui territori coinvolti dai cantieri – ha detto Giampedrone – in quanto i lavoratori liguri sono troppo pochi sul totale degli addetti. Per un assessore ligure, come sono io, si tratta di dati inaccettabili. Per questo chiediamo a Cociv uno sforzo, nel rispetto ognuno del proprio ruolo, ma si tratta di un elemento fondamentale per mantenere aperto un dialogo il più sereno possibile».

Al termine della riunione si è concordato che un nuovo incontro, alla presenza anche dell’assessore regionale al lavoro, Gianni Berrino che si svolgerà la prossima settimana, dedicato appositamente a un piano di ingresso di nuova occupazione proveniente dal territorio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.