«Dal 2006 al 2015 abbiamo formato 1.039 allievi per le più varie posizioni, dall’aiuto cuoco all’elettricista, dal fotografo all’addetto al ricevimento, legate soprattutto all’hospitality, fiore all’occhiello di questa provincia. La totalità dei 51 partecipanti agli ultimi corsi di formazione professionale è stata assunta da Costa Crociere. Per questo invito i ragazzi disoccupati a sfruttare al meglio questo canale attivato da Regione Liguria perché offre concrete opportunità di lavoro». È la testimonianza di Stefano Giampedroni, Talent Acquisition Directory di Costa Crociere, che ieri, nella sede dell’Autorità Portuale della Spezia, è intervenuto, insieme ad altri imprenditori tra cui lo chef stellato Mauro Ricciardi che terrà i corsi della ristorazione, Antonella Sarto (settore dell’efficienza energetica) e Giorgia Bucchioni (settore marittimo), all’Open Day di presentazione dei 45 corsi di formazione per 670 allievi attivati sul territorio provinciale da Regione Liguria con oltre 2,4 milioni di euro dal Fondo Sociale Europeo.

Come già a Imperia e a Savona, anche alla Spezia la presenza di giovani in cerca di lavoro è stata massiccia: alle 17,30 le presenze registrate erano 795. «Siamo alla terza tappa degli Open Day e anche oggi si conferma il trend di grande attenzione all’offerta formativa attivata da Regione Liguria: questo ci conferma la bontà della decisione assunta nell’agosto scorso − ha affermato Ilaria Cavo, assessore regionale all’Istruzione e Formazione − quando, un mese dopo il nostro insediamento, abbiamo deciso di avviare questi corsi di formazione, con l’obiettivo di fondo di contrastare e prevenire la disoccupazione di lunga durata. Allo stesso tempo, questa grande affluenza, se da un lato ci conferma l’importanza degli Open Day, dall’altro ci responsabilizza enormemente: è evidente che già da domani lavoreremo al prossimo bando, che dovrà essere ancora di più frutto di un confronto serrato con le aziende per elaborare progetti mirati che rispondano alle reali esigenze del mondo produttivo, spingendo affinché gli accordi tra enti e imprese vengano stipulati a monte, così da garantire la piena occupazione ai ragazzi al termine del percorso formativo. Oggi sono stati presentati progetti corposi e importanti e, analizzandoli provincia per provincia, ci si rende conto di quanto l’offerta formativa sia differenziata a seconda delle specifiche caratteristiche del territorio in cui vengono attivati. Alla Spezia in particolare ci si è focalizzati su settori strategici come la green e blue economy, la logistica, l’informatica, l’edilizia. Voglio ricordare che il pilastro a cui abbiamo ancorato il bando è la previsione occupazionale fornita dagli enti, premiando quelli che si sono impegnati di più: Regione Liguria vigilerà affinché quella previsione venga rispettata, pena la mancata elargizione di una parte delle risorse. Aggiungo che un po’ di ottimismo non guasta: in questa provincia la disoccupazione è scesa del 4% nelle fascia 25-34 anni, del 6,2% tra i 19 e i 29 anni, del 2,1% per gli over 35 anni. Questo da un lato ci rincuora e dall’altro ci sprona a lavorare ancora di più con enti e aziende per ottenere risultati ancora migliori».

In tutta la Liguria saranno realizzati 266 corsi di formazione per un investimento complessivo di 14,7 milioni di euro dal Fondo Sociale Europeo: sono rivolti soprattutto agli over 24, con linee di intervento anche per la riconversione degli occupati e per gli over 55. All’iniziativa spezzina seguiranno gli Open Day di martedì prossimo, 26 aprile, a Genova (alle 15,30 nei Magazzini del Cotone) e di giovedì 28 aprile a Chiavari (alle 10,30 all’Auditorium San Francesco).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.