«Il documento reso finalmente disponibile nel giorni scorsi dall’Istituto superiore di sanità, rivela in modo ufficiale le perplessità del massimo organismo sanitario nazionale su una indagine epidemiologica che già era stata oggetto di severe critiche da parte di altre istituzioni pubbliche come l’istituto dei tumori di Genova. Genera stupore che questo documento prodotto da un organismo super partes e di tale autorevolezza fosse già disponibile prima del sequestro dell’impianto». È quanto si legge in una nota stampa di Tirreno Power diffusa in relazione al comunicato dei sindacati sul parere dell’Istituto superiore di sanità in merito all’indagine epidemiologica della procura di Savona che ha portato al sequestro dei gruppi a carbone della centrale di Vado Ligure.

«È bene inoltre ricordare – si legge ancora nel comunicato – che da molti mesi non vengono pubblicati report sulla qualità dell’aria nel savonese. L’ex presidente della Regione Liguria Burlando aveva testualmente detto che dal fermo della centrale non si era verificato alcun cambiamento significativo nella qualità dell’aria. Appare evidente che tutte le fonti concordano nel ridimensionare enormemente l’impatto ambientale della centrale di Vado Ligure, ad eccezione della perizia di parte della Procura la cui validità scientifica è messa in dubbio dagli stessi istituti dello Stato come dimostrato dal documento ora reso accessibile a distanza di oltre due anni».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.