Il più presente alla Camera è Lorenzo Basso (Pd) con il 99,18%, tallonato da Mara Carocci (Pd) con il 99,17% (rispettivamente nono e decima sui 630 deputati), al Senato ancora Pd ai primi posti con Donatella Albano (95,24%) e Vito Vattuone (93,56%). La “classifica” di Openpolis sulle presenze e la produttività in Parlamento, permette di analizzare il comportamento dei rappresentanti dei cittadini a Roma.

openpolis
Deputati, clicca per ingrandire

Quello che emerge è una scarsa produttività, anche se Openpolis sottolinea che l’indice non prende in considerazione il lavoro, anche rilevante, che alcuni parlamentari svolgono per gli incarichi necessari al funzionamento della macchina politica e amministrativa del Parlamento (commissioni, gruppi, comitati, giunte, collegi e uffici di Camera e Senato). Il calcolo viene fatto dando un punteggio agli interventi in commissione e in aula e alle presenze alle votazioni, con particolare attenzione ai voti finali e ai voti in cui la maggioranza è risultata battuta, senza dimenticare il ruolo del relatore e del primo firmatario, la presentazione di emendamenti e il peso degli atti a seconda del tema trattato.

L’unico ligure a spiccare in questa classifica alla Camera è Stefano Quaranta (Si-Sel) al 23° posto su 630, tutti gli altri vanno oltre la centesima posizione, con Giorgio Lainati (Fi-Pdl) addirittura 540° su 630. Male anche Luca Pastorino, probabilmente “distratto” dagli impegni di campagna elettorale e di sindaco, 481° per produttività e, con una presenza del 62.69%, è anche il più assente della Camera per quanto riguarda i liguri.

C’è comunque da considerare un fatto: con assenza si intendono i casi di non partecipazione al voto, sia quello in cui il parlamentare è fisicamente assente (e non in missione) sia quello in cui è presente ma non vota e non partecipa a determinare il numero legale nella votazione. Purtroppo – rileva Openpolis – attualmente i sistemi di documentazione dei resoconti di Camera e Senato non consentono di distinguere un caso dall’altro. I regolamenti non prevedono la registrazione del motivo dell’assenza al voto del parlamentare. Non si può distinguere, pertanto, l’assenza ingiustificata da quella, ad esempio, per ragioni di salute.

openpolis
Senatori, clicca per ingrandire

Tra i più ribelli (ossia coloro che esprimono un voto diverso da quello del gruppo parlamentare a cui appartiene) c’è Sandro Biasotti (che è anche il secondo più assente per la Liguria), con 594 voti. In questo ambito però è il senatore Augusto Minzolini a essere imbattibile: 1004 voti da bastian contrario che gli valgono il 13° posto nazionale per il Senato. L’ex direttore del Tg1 “paracadutato” da Berlusconi nella circoscrizione Liguria, è anche il più assente dei senatori liguri: solo 47.19% di presenze.

Il Movimento Cinque Stelle non spicca né per presenze né per produttività: i deputati Matteo Mantero, Simone Valente e Sergio Battelli si attestano poco oltre il 70% di presenze e con una produttività che va dal 265° posto a scendere.

Il “patron” di Primocanale Maurizio Rossi, eletto con Scelta Civica e passato al Gruppo Misto, è ultimo dei senatori liguri per produttività e scarseggia in presenze: 64.27%.

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.