L’Osservatorio Turistico Regionale, gestito in collaborazione fra Regione Liguria e Unioncamere Liguria, ha presentato la seconda congiuntura del 2015 sul turismo in Liguria: per quanto riguarda l’occupazione delle camere nel secondo trimestre 2015 le vendite sono state pressoché in linea con quelle del 2014 per le strutture ricettive della Liguria: occupate in media il 39,3% delle camere disponibili nel mese di aprile (-1,2%), il 40,5% a maggio e il 48,9% a giugno (-2,8%).

Liguria: occupazione camere aprile-giugno
Clicca per ingrandire

Tengono le vendite nel comparto alberghiero dove gli operatori segnalano il 47% di camere occupate in aprile (+2,8%) e il 47,6% a maggio (+1,4%), con un leggero calo nel solo mese di giugno (55,5% di camere occupate, -1,9% rispetto al 2014).
Nel comparto complementare si registra un calo nelle strutture open air che registrano il 24,7% di vendite ad aprile, il 25% a maggio e il 32,9% a giugno (tra -10% e -15% in meno rispetto al 2014) e una ripresa delle vendite nelle altre tipologie ricettive dove in aprile si contano il 39,7% di camere vendute (+10,4% rispetto al 2014), a maggio il 46,4% (+16,4%) e a giugno il 59,2% (+19,2%).

In particolare, tra le categorie ricettive crescono le vendite negli hotel 3 stelle che superano gli altri esercizi del comparto alberghiero (58,7% di camere occupate ad aprile, 56,5% a maggio e 63,7% a giugno), al pari di quanto accade negli agriturismi (54,4% l’occupazione di aprile, 63,3% a maggio e 76,1% a giugno) e nei B&B (42,3% le vendite di aprile, 52,3% a maggio e 66,2% a giugno) per l’extralberghiero.

Liguria: occupazione camere aprile-giugno province
Clicca per ingrandire

A livello territoriale le performance più elevate si registrano tra le strutture della provincia della Spezia dove si conta una media del 44% di camere occupate nel mese di aprile (+2,8% rispetto al 2013), del 46,9% a maggio (-3,5%) e del 54,2% a giugno (-5,9%). Segue Savona con il 43,1% di camere occupate ad aprile (+6,1%), il 41,6% a maggio (+8,8%) e il 50,4% a giugno (+2,4%). Nella provincia di Genova si registra il 34% di camere occupate ad aprile, il 35,8% a maggio e il 44,6% a giugno (circa -7%-10% rispetto al 2014) e in quella di Imperia il 36,2% di camere occupate ad aprile, il 39,7% a maggio e il 48% a giugno (con calo compreso tra -3% e -6%).
Un clima dolce ha favorito i soggiorni turistici in riviera, dove le strutture ricettive registrano le performance più elevate in apertura di stagione: vendute in media al mare il 41,1% delle camere disponibili nel mese di aprile (+1,7% rispetto al 2014)
e il 41,9% a maggio (+2,3%), superate dalle strutture dell’entroterra nel solo mese di giugno (49,9% le vendite al mare, 53,5% quelle nell’entroterra).

Gli operatori del comparto alberghiero continuano ad agire sulla leva prezzo per favorire le vendite nel settore, ma con policy diversificate tra le categorie ricettive: nel complesso si registra una leggera crescita delle tariffe applicate per una camera doppia nel settore alberghiero (+6% rispetto alla primavera 2014), in controtendenza rispetto al calo applicato lo scorso anno (-5,3%); nelle strutture 1-2 stelle la crescita delle tariffe si attesta in media al +3,9%, ma sale per i 3 stelle fino al +11,8%; nei 4 e 5 stelle, strutture che agiscono in modo più deciso sulla leva prezzo nel corso dell’anno, i prezzi diminuiscono del -3,1%, in linea di continuità con la primavera 2014 ma con una contrazione tendenzialmente più contenuta (-9,3% nel 2014 rispetto al 2013).

Liguria: prezzi camere
Clicca per ingrandire

La tenuta delle vendite nel comparto, in associazione con il leggero aumento delle tariffe, porta a un bilancio positivo in termini di fatturato per le imprese alberghiere della regione: si stima una crescita del +16,3% rispetto al fatturato del 2014 per il mese di aprile, del +11,4% a maggio e del +3% nel mese di giugno.

Orientate all’ottimismo le previsioni degli operatori del ricettivo per l’andamento della stagione estiva: si prevede di vendere in media il 70,5% delle camere disponibili nel trimestre luglio-settembre, ovvero più di quanto era stato previsto nello stesso periodo del 2014 (56%).
Rispetto allo scorso anno, d’altronde, si registra una maggiore propensione all’advance booking: ad inizio luglio prenotate in media il 57,9% delle camere disponibili per il mese di luglio (+4,2% rispetto alle prenotazioni registrate nel 2014), il 60,3% per agosto (+4,7%) e il 32,9% per settembre (-0,4%).

Nel comparto alberghiero si prevede di chiudere l’estate con vendite medie del 75,4% (+17,2% rispetto alle previsioni fornite lo scorso anno), con prenotazioni pari al 62,2% per il mese di luglio (+5,8%), al 58,5% per agosto (+3,9%) e al 37% per settembre (-1%). I più ottimisti sono gli operatori delle Rta, dove si prevede una vendita del 90% delle camere disponibili nel corso dell’estate, con prenotazioni anticipate del 70% a luglio e agosto e del 30% a settembre.
Negli open air gli operatori pronosticano vendite medie pari al 57,8% delle disponibilità della stagione estiva, con prenotazioni ad inizio luglio del 44,9% per i soggiorni del mese di luglio e al 58,4% per quelli di agosto. Nelle altre strutture complementari le vendite anticipate per i soggiorni in agriturismo e in B&B fanno sperare gli operatori che pronosticano un possibile 82% di venduto per questa estate nella media del comparto (83,8% negli agriturismi, 57,8% nei campeggi, 85,8%
nel B&B e 74,1% nelle altre strutture).

Liguria: previsioni prenotazioni camere
Clicca per ingrandire

Sono gli operatori in città quelli che forniscono le previsioni di stagione più promettenti, prevedendo di chiudere l’estate con una media di vendite pari al 79,5% delle disponibilità del periodo, valutazione che parte da un livello di prenotazioni che ad inizio luglio si attesta al 54,9% per i soggiorni del mese, per agosto arriva al 52,1% e per i soggiorni di settembre al 40,7%.

Le vendite anticipate più elevate sono, invece, nelle strutture dell’entroterra che registrano prenotazioni medie del 62,5% per il mese di luglio, del 67% per agosto e del 37,6% per settembre, un trend pressoché in linea con le previsioni che gli operatori forniscono per la stagione (65,6% di camere vendute in media nel trimestre).
Al mare gli operatori prevedono di vendere in media il 67% delle camere disponibili nella stagione estiva, mentre le prenotazioni di inizio luglio segnano un 58,8% di camere prenotate per i soggiorni di luglio, del 63,3% per quelli di agosto e del 29,1% per settembre.

Liguria: previsioni prenotazioni camere  per provincia
Clicca per ingrandire

Tra le province le prenotazioni più consistenti si registrano alla Spezia (65,5% per luglio, 72,3% per agosto e 39,1% per settembre), seguita a stretto giro da Savona (61% luglio, 63,7% agosto, 32% settembre). Seguono Imperia con il 54,8% di prenotazioni a luglio, il 51,6% agosto e il 32,6% a settembre e Genova che conta il 51,4% di camere prenotate per luglio, il 54,9% per agosto e il 30,5% per settembre.
Dalle previsioni per l’andamento dell’estate, infine, emerge un maggiore ottimismo da parte degli operatori della provincia di Imperia che prevedono di chiudere con un 78,4% di venduto la stagione estiva, seguiti da quelli di Savona (70,4%), mentre gli operatori della Spezia e quelli di Genova prevedono un più prudente 66%-68% circa di venduto.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.