Da oltre 40 anni nel mercato della nautica da diporto e nella produzione dei superyacht, il cantiere Permare con il nuovo Amer 94’ Save the Sea, punta a un progetto ambizioso, invertendo la tradizione delle motorizzazioni convenzionali e adottando, per primo nel Mediterraneo, un sistema di propulsione innovativo per il segmento di barche plananti superiori ai 90 piedi.

Il modello Amer 94’, di maggior impatto rispetto al precedente 92’, è stato progettato per installare una motorizzazione Volvo IPS: questi motori, già in uso per la nautica di piccole-medie dimensioni, hanno rivoluzionato il mercato abbassando notevolmente i consumi e garantendo grande manovrabilità. In tempi passati non era possibile installare questo tipo di motorizzazioni, perché non c’era una potenza erogata sufficiente a far navigare grandi scafi. Da poco, le case produttrici hanno messo sul mercato modelli in grado di essere adottati anche dai superyacht.

Il cantiere da tempo era orientato a testare questo prodotto e ha atteso i tempi giusti studiando e progettando uno scafo specifico per gli IPS1200. Il nuovo 94’ presenterà una motorizzazione a n. 3 motori IPS, una sala macchine in una configurazione unica.

Unico scafo “Made in Italy” di queste importanti dimensioni e layout a partecipare ai saloni internazionali del 2015/2016, rappresenterà una nuova frontiera rispetto al passato. Nel 2014 l’elaborazione del progetto, ora il cantiere è entrato nel pieno della fase esecutiva: è cominciata la costruzione del prototipo, che sarà completato entro quest’anno e parteciperà alle prossime fiere nautiche europee.

Le caratteristiche innovative, fa sapere il cantiere Permare, che saranno i punti di forza del nuovo 94’, riguardano l’impatto ambientale e la riduzione di consumi. Con questa nuova motorizzazione si otterrà una riduzione delle emissioni in atmosfera del 30%. Permare fa sapere che aumenterà anche la manovrabilità dello scafo, rendendo più pratico l’utilizzo sia in manovra sia in navigazione, a beneficio di armatori e comandanti. La rumorosità a bordo calerà del 50%, ma anche quella percepita all’esterno dell’imbarcazione, diminuendo così inquinamento acustico, problema caratteristico delle motorizzazioni tradizionali utilizzate sino a oggi.

Una maggior superficie interna, guadagnata grazie all’ottimizzazione della sala macchine, offrirà la possibilità di far nascere una versione a cinque cabine, rendendo il modello appetibile anche per il mercato del charter. L’imbarcazione rimarrà omologata sotto i 24 metri, dato rilevate specialmente nell’ottica di un ritorno di una clientela europea.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.