«Il bilancio di previsione 2015-2017 presenta uno squilibrio che, ad oggi, risulta impossibile ripianare se non con un azzeramento della previsione di spesa per tutte le funzioni, compresi i servizi obbligatori per l’Ente».

Questa mattina durante la seduta del consiglio provinciale di Savona, il presidente Monica Giuliano ha illustrato la situazione di grave difficoltà in cui versa la Provincia di Savona, Ente che vedrà pregiudicati gli equilibri di bilancio 2015-2017 con il conseguente rischio di non poter garantire l’assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili.

«In applicazione della legge Delrio che ridisegna confini e competenze dell’amministrazione locale, la Provincia di Savona nell’affrontare questo difficile processo di cambiamento, nonostante abbia predisposto, nel corso di questi mesi, azioni mirate volte a supportare i nuovi assetti istituzionali, gestionali e finanziari dell’Ente, si trova nell’impossibilità di svolgere, se non in minima parte, le funzioni assegnate dal provvedimento governativo, con rischio di dissesto finanziario – dichiara Giuliano – una previsione che senza interventi mirati da parte del governo obbligherà la Provincia ad assumere decisioni che produrranno tagli drastici alle risorse destinate alle funzioni fondamentali come scuole e strade».

La situazione ampiamente dettagliata dalla relazione del responsabile del servizio finanziario provinciale è stata sottoposta all’attenzione e trasmessa con lettera al
presidente del Consiglio dei ministri, al ministro per le Infrastrutture e trasporti e al prefetto di Savona.
«Un’emergenza – aggiunge Giuliano – che comporterà, già a partire dalla prossima stagione autunnale, l’impossibilità da parte della Provincia di Savona di riscaldare le aule scolastiche e provvedere, in caso di pericolo, alla sicurezza degli Istituti. Inoltre non potendo al contempo sostenere la manutenzione ordinaria anche le nostre strade, la cui rete si estende principalmente in territorio montano, verranno private dei servizi essenziali quali lo sgombero della neve e gli interventi di spargimento sale causa ghiaccio, con conseguente chiusura dei tratti interessati a tutela della sicurezza pubblica. La legge Delrio senza risorse ci trasforma, in pratica, in Ente inadempiente a danno esclusivo del territorio e dei cittadini».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.