Il sindaco di Genova Marco Doria e l’assessore allo Sviluppo economico Emanuele Piazza questa mattina, nel corso della manifestazione di sciopero, hanno incontrato a Palazzo Tursi una delegazione di lavoratori di Costa Crociere e le organizzazioni sindacali. I lavoratori hanno espresso le forti preoccupazioni sulla procedura di trasferimento di rilevanti divisioni aziendali da Genova ad Amburgo, comunicata il 29 gennaio 2015: 4 dipartimenti e trasferire 161 lavoratori. «Il Comune di Genova manifesta la sua ferma volontà di essere interlocutore partecipe in ogni fase di questa vicenda – dice Doria – per tutelare al meglio gli interessi dei lavoratori e della città. L’amministrazione comunale chiede a Costa Crociere, nel rispetto della propria autonomia, la sospensione della procedura formale di trasferimento di ramo d’azienda. Tale richiesta è motivata dalla constatazione che Costa Crociere, grazie all’impegno e alla professionalità dei propri dipendenti, ha conseguito dei positivi risultati economici e non si trova in una situazione di crisi. È doveroso, quindi, discutere delle strategie del gruppo senza precipitazioni e senza creare inutili tensioni sociali. La presenza di Costa Crociere a Genova e in Italia è un punto di eccellenza nell’economia nazionale». Doria invita il governo a farsi carico della questione, avviando un sollecito confronto con la proprietà della multinazionale Carnival, a cui il Comune garantisce la propria partecipazione.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche la Regione Liguria, che ha incontrato i lavoratori dopo il sindaco. «La scelta dell’azienda è un affronto alla città, qualsiasi confronto con Costa Crociere deve essere subordinato al ritiro della procedura e per questo serve anche un impegno forte del governo». Così l’assessore al Lavoro Enrico Vesco, che ha ricevuto la delegazione con l’assessore alle Infrastrutture Raffaella Paita e il deputato Mario Tullo. Tutti insieme hanno definito l’atteggiamento di Costa «un oltraggio alla città» e si sono detti pronti a far diventare la vicenda di Costa crociere “un caso nazionale” che porti alla riapertura della trattativa. Gli assessori hanno chiesto un intervento al presidente del consiglio Renzi e al ministro Lupi per far riaprire la trattativa. E a questo proposito il deputato Mario Tullo ha ribadito di voler utilizzare la giornata di domani, quando si svolgerà il giuramento del presidente della Repubblica, per sottolineare all’esecutivo l’importanza della vertenza e «chiedere una presa di posizione chiara che possa far desistere dalla volontà di portare altrove un’eccellenza».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.