Non è un caso che Gnv abbia chiamato “Superba” il traghetto più grande della propria flotta. A testimoniare il forte legame tra la compagnia e la città di Genova ci sono numeri che parlano chiaro: 200 milioni di euro di indotto nel solo genovese (sui 960 milioni totali a favore dell’economia italiana) e 2,9% di ricchezza generata sul territorio locale dall’economia del mare. Ma soprattutto, in un 2014 in cui la disoccupazione in Liguria sale all’11%, ci sono i 166 posti di lavoro creati a Genova e i 236 residenti nel territorio che lavorano per la compagnia (tra personale di terra e di mare).
Decima compagnia al mondo per tonnellaggio, nona per capacità di trasporto e addirittura quinta per numero di posti letto, Gnv si prepara a chiudere un 2014 con numeri positivi: «Non facciamo previsioni su quest’anno perché non è ancora finito – spiega Roberto Martinoli, presidente e ad di Gnv – ma possiamo dire che il 2014 sia stato un anno diverso, soprattutto perché è cambiato il consumatore-tipo: abbiamo registrato un maggior numero di prenotazioni anticipate, piuttosto che i frequenti last minute, molto probabilmente per le condizioni meto-marine avverse». Con dieci navi all’attivo e circa 1.200 dipendenti, il 2013 di Gnv si è chiuso con 333,8 milioni di euro di valore di produzione e un Ebitda del 13,5%. Sulle 13 linee che collegano vari porti turistici nel Mediterraneo (di cui otto verso Spagna, Francia, Tunisia e Marocco) sono stati trasportati quasi 1,4 milioni di passeggeri. Ma, in prospettiva, è difficile pensare di investire in nuovi ordini: «Avremmo bisogno di migliorare i risultati attuali per ampliare la flotta – dice Martinoli – Ma, crisi e prezzo del petrolio permettendo, questo rimane, ovviamente, il nostro obiettivo. Lo stesso noleggio è difficile, principalmente per scarsità di tonnellaggio: contando che le navi vecchie vengono demolite con il passare degli anni e altre tendono a essere assorbite in nuovi mercati, il noleggio è sempre più costoso e complicato».
La compagnia, che presto si trasferirà nei nuovi uffici di San Benigno, guarda con interesse anche alle giovani risorse per nuove prospettive occupazionali: dagli intensi rapporti di collaborazione con UniversitàAccademia della Marina Mercantile e istituti San Giorgio e Bergese, sono stati svolti 109 stage in azienda nel 2013.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.