Domani è in programma lo sciopero generale proclamato dalla Camera del Lavoro di Genova con esclusione dei comuni del Tigullio Golfo Paradiso colpiti dal maltempo e dei lavoratori impegnati nei servizi essenziali erogati in questi territori. La Cgil chiede alle aziende di devolvere parte della retribuzione a cui rinunciano i lavoratori che aderiscono allo sciopero, ai fondi pro alluvionati.

L’astensione dal lavoro è stata indetta contro la legge di Stabilità e il job act. Sia l’uno sia l’altra secondo la Cgil colpiscono pesantemente i diritti di lavoratori e pensionati. In provincia di Genova le ragioni per scioperare sono molteplici: carenza di politiche industriali con vertenze che si stanno trascinando da anni e con il rischio di perdere troppi posti di lavoro, mancanza di risorse per gli ammortizzatori sociali, contratti scaduti da anni e che per anni non saranno rinnovati, aziende partecipate che rischiano il fallimento. Per questi motivi la Cgil crede che a fronte di una legge di Stabilità “che toglie risorse agli enti locali, con conseguente taglio di servizi ai cittadini, e al job act che non risolve il problema della precarietà per i giovani e colpisce chi un lavoro ce l’ha”, lo sciopero di venerdì sia indispensabile.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.