Sono oltre 31 i milioni stanziati dalla Liguria, attraverso bandi ad hoc, per la manutenzione dei muretti a secco. Una cifra che rappresenta circa il 10% dei fondi assegnati alla Regione attraverso il Psr, Piano di sviluppo rurale 2007/2013. Lo ha reso noto l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni Barbagallo, a margine della giunta di questa mattina.

I muretti a secco, simbolo della Liguria
I muretti a secco, simbolo della Liguria

Conosciuti in Liguria fin dall’età del ferro (1000 a.C.) i muri a secco a partire dal Medioevo sono stati utilizzati soprattutto per la realizzazione di fasce terrazzate, sui cui generazioni di agricoltori hanno coltivato viti e olivi, ma anche cereali e ortaggi, specialmente i prossimità delle abitazioni. La possibilità di reperire i materiali necessari sul posto e il basso costo dei manufatti ne hanno favorito la diffusione capillare in tutta la regione.

Oggi i siti rimasti rappresentano uno dei simboli del territorio ligure e uno straordinario patrimonio storico, ambientale e culturale da tutelare, oltre che una risorsa preziosa per le attività agricole. Il paesaggio terrazzato costituisce inoltre uno straordinario habitat per una ricca varietà di specie animali e vegetali, la cui sopravvivenza è ora minacciata dallo stato di abbandono o di scarsa manutenzione in cui versano alcune zone del territorio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.